martedì 1 dicembre 2015

AVVENTO 2015: 25 giorni per conoscere meglio Gesù (1)

Dio ha fatto un regalo speciale all'umanità, suo Figlio. 
Nato, vissuto, morto e risorto per dare un futuro e una speranza a chiunque crede in Lui. 
Mentre pensiamo ai regali, agli addobbi e al cibo con cui rendere speciali i giorni di festa con i nostri cari, fermiamoci ogni giorno un paio di minuti per riflettere,  leggiamo insieme dal Vangelo di Matteo per conoscere meglio Gesù


1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. 16. 17. 18. 19. 20. 21. 22. 23. 24. 25.



1 Dicembre

Matteo 1 e 2 Gesù è il Figlio di Dio


Ecco come avvenne la nascita di Gesù Cristo: sua madre Maria era stata promessa sposa a Giuseppe, e prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, che era giusto e non voleva ripudiarla, decise di lasciarla in segreto. Mentre però stava pensando a queste cose, un angelo del Signore gli apparve in sogno dicendo: «Giuseppe, non temere di prendere con te Maria, tua sposa, perché quel che è generato in lei viene dallo Spirito Santo. Lei partorirà un figlio e tu lo chiamerai Gesù: perchè è lui infatti che salverà il suo popolo dai suoi peccati». 
Tutto questo avvenne perché si adempisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: Ecco, la vergine concepirà e partorirà un figlio che sarà chiamato Emmanuele, che significa Dio con noi. Svegliatosi, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l'angelo del Signore.
Gesù nacque a Betlemme, all‘epoca del re Erode. Dei magi d‘Oriente arrivarono a Gerusalemme dicendo: «Dov'è il re dei Giudei che è nato? Abbiamo visto sorgere la sua stella, e siamo venuti per adorarlo». Udito questo, il re Erode fu turbato e con lui tutta Gerusalemme. Riuniti tutti i capi dei sacerdoti e gli scribi del popolo, s'informò  da loro dove il Cristo doveva nascere. Gli risposero: «A Betlemme di Giudea, perché così è scritto per mezzo del profeta». Allora Erode, chiamati di nascosto i Magi, si fece dire con esattezza da loro il tempo in cui era apparsa la stella e mandandoli a Betlemme disse: «Andate e informatevi sul bambino e, quando l'avrete trovato, fatemelo sapere, affinché anch'io vada ad adorarlo». Udito il re, partirono, e la stella, che avevano visto in Oriente, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. Quando videro la stella si rallegrarono di grandissima gioia. Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, e prostratisi lo adorarono. Poi aprirono i loro tesori e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra. Avvertiti poi in sogno di non ripassare da Erode, tornarono al loro paese per un‘altra via. Dopo che furono partiti, un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe e gli disse: «Alzati, prendi con te il bambino e sua madre e fuggi in Egitto, e restaci finché io non te lo dico, perché Erode sta cercando il bambino per ucciderlo». Erode infatti, vedendosi beffato dai magi, s'infuriò e mandò ad uccidere tutti i maschi di Betlemme e del suo territorio dai due anni in giù. Giuseppe, alzatosi, prese con sé il bambino e sua madre nella notte e fuggì in Egitto, dove rimase fino alla morte di Erode. Morto Erode, un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe in Egitto e gli disse: «Alzati, prendi con te il bambino e sua madre e va' nel paese d'Israele; perché sono morti coloro che cercavano di uccidere il bambino». Giuseppe prese il bambino e sua madre, ed andò ad abitare in una città chiamata Nazaret, nella regione della Galilea, affinché si adempisse quello che era stato detto dai profeti: «Sarà chiamato Nazareno».


!Erode voleva uccidere Gesù perchè vedeva in lui una minaccia al suo trono. Ma Gesù vuole regnare nel cuore degli uomini.
?I Giudei non riconoscono Gesù come il Re dei Re eppure la sua nascita miracolosa mostra la sua vera identità.







Un regalo per i tuoi regali, 

10 bigliettini da stampare.


Print it! Enjoy it!
Italiano qui! Deutsch hier!

2 commenti:

  1. Daumen hoch!
    Und die Anhänger sind ja cool...... In dir steckt viel mehr, als du zu erkennen gibst. Ich bewundere dich
    Herzlichst
    yase

    RispondiElimina